Comunicato stampa

Il prossimo 30 settembre, promossa dalla Commissione Europea e organizzata da Frascati Scienza, torna la Notte Europea dei Ricercatori, il grande evento che da undici anni porta la scienza e i ricercatori tra i cittadini, i giovani e gli studenti. Il tema di questa nuova edizione della Notte è MADE IN SCIENCE, la scienza come “marchio di fabbrica”, una garanzia di eccellenza della ricerca che migliora la vita quotidiana di tutti.

L’Università Roma Tre partecipa alla Notte dei Ricercatori e alla Settimana della Ricerca con un programma molto denso.

Il programma completo è su https://romatrenottericercatori.wordpress.com/, e ricordiamo che per molte attività è necessaria la prenotazione.

Tra le attività effettuate durante la settimana, segnaliamo:

  • `Science trips’ saranno tenuti dai docenti del Dipartimento di Architettura. Tra questi, ricordiamo ad esempio “Sotto i ponti di Roma: più di una storia” tenuto da Fabio Brancaleoni e Maurizio Gargano sabato 1° ottobre.
  • L’“Astrogarden” del Dipartimento di Matematica e Fisica aprirà alle scuole il 26 ed il 28 settembre, nella sede della Sezione di Fisica in vai della Vasca Navale. Sull’altro lato della strada, presso il Dipartimento di Ingegneria, sarà possibile effettuare, il 28 settembre, una visita guidata di alcuni laboratori.
  • Docenti del Dipartimento di Scienze ed esperti della Protezione Civile del Lazio parleranno di dinamiche del pianeta Terra lunedi 26 e venerdi 30 settembre.

Nella serata di venerdi 30 settembre, le attività si svolgeranno nelle sedi di S. Leonardo Murialdo e Vasca Navale, dalle 19 a mezzanotte. Saranno articolate in quattro sezioni:

  • Attività interattive – presso il laboratorio di Manuela Cervelli, Alessia Leonetti e Stefano Pietropaoli, i visitatori potranno imparare come si effettua l’estrazione del DNA, e portare a casa una provetta con il loro DNA, mentre allo stand dei giochi matematici di Luca Biasco e Pietro Caputo ci si sfiderà sul campo prima di cercare gli aspetti matematici dei giochi proposti. Ma non solo: parleremo anche di geologia, di chimica del cibo, di particelle elementari e molto altro, compresa una videoinstallazione dedicata ai ghiacciai e ai cambiamenti climatici, a cura del fotografo Fabiano Ventura.
  • Seminari – Vittorio Lubicz ci spiegherà quale sia (e come si sia evoluto) il concetto di tempo in Fisica, ma si parlerà anche di grafene, terapie antibiotiche, sfruttamento ottimale delle risorse rinnovabili, bosone di Higgs, urbanistica,…
  • Mostre – Segnaliamo, in questa sezione, la costruzione di una cupola geodetica di canne, da parte dei docenti del Dipartimento di Architettura, ed una mostra fotografica dedicata al Sistema Solare.
  • Spettacoli – Oltre all’ormai immancabile planetario, sarà possibile esplorare “Il Sistema Solare” accompagnati dal racconto di Adriana Postiglione.

Informazioni e prenotazioni sul sito https://romatrenottericercatori.wordpress.com/.

Info e accrediti:   0657337294 – nottericerca@gmail.com

Cartella stampa

Facobook: https://www.facebook.com/events/1783262168552284/

Twitter: #ERNRM3

Video: https://www.youtube.com/watch?v=B_fMN7B2hiw

Locandina: https://romatrenottericercatori.wordpress.com/2016/08/15/locandina/

Immagini: https://romatrenottericercatori.wordpress.com/2016/07/25/immagini-per-il-web/

Comitato organizzatore – contatti

 

 

Notte Europea dei Ricercatori: il 30 settembre si rinnova l’appuntamento con la scienza che attrae

 

In Italia il progetto coordinato da Frascati Scienza vede impegnate 23 città con oltre 200 eventi tra spettacoli, workshop e laboratori

Con la Settimana della scienza dal 24 al 30 settembre attività per adulti e bambini tutti all’insegna del ‘Made in Science’, la filiera della conoscenza

Dal 24 al 30 settembre 2016 al via la Settimana della Scienza che culminerà il 30 Settembre con la Notte Europea dei Ricercatori.

La manifestazione è promossa dalla Commissione Europea. Il progetto coordinato da Frascati Scienza vede tra i suoi partner principali i più importanti enti di ricerca nazionali (ASI, CNR, ENEA, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, ISS, CINECA, GARR, ISPRA, CREA, Sardegna Ricerche), tra le migliori università della Penisola (Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Università degli Studi Roma Tre, Università LUMSA, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università di Parma, Università di Sassari, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia) e la Regione Lazio.

 

Anche quest’anno Frascati Scienza sarà capofila di una rete di ricercatori, università e istituti di ricerca che si estendono dal nord al sud dell’Italia nel promuovere il più importante appuntamento europeo di comunicazione scientifica, un evento che in tutta Europa coinvolgerà oltre 300 città europee.

 

Centinaia gli eventi in Italia e in Europa tutti dedicati alla scienza e all’importanza della figura del ricercatore. In particolare, l’area Tuscolana, dove si trovano le infrastrutture di ricerca fra le più importanti d’Italia ed Europa, sarà l’epicentro dell’evento che coinvolge molte altre città italiane: Roma, Firenze, Milano, Trieste, Genova, Modena, Ferrara, Napoli, Palermo, Bari, Cagliari, Catania, Lecce, Parma, Pavia, Reggio Emilia, Sassari, Frascati, Carbonia, Cassino, Gorga, Grottaferrata, Monte Porzio Catone.

 

Le prossime due edizioni, a cura di Frascati Scienza previste a settembre 2016 e 2017, saranno all’insegna del MADE IN SCIENCE, per una scienza vista come vera e propria ‘filiera della conoscenza’, capace di produrre e distinguersi per eccellenza, qualità, creatività, affidabilità, transnazionalità, competenze e responsabilità. MADE IN SCIENCE sarà il marchio che distingue la qualità, l’eccellenza e l’importanza della ricerca italiana e il filo conduttore degli appuntamenti in programma.

 

Frascati Scienza il 24 settembre, in occasione dell’evento lancio della Notte Europea dei Ricercatori 2016, guiderà il pubblico in un viaggio attraverso una “Casa della Scienza” che sarà allestita a Roma con il contributo della Regione Lazio. Saranno realizzati spazi che riproducono una cucina camera, soffitta e giardino per promuovere varie attività scientifiche aperte a tutti. I partecipanti, dopo essere stati accolti all’ingresso, potranno visitare la casa attraverso un percorso che li guiderà in cucina per conoscere le “ricette di chimica”, in cameretta per scoprire la fisica dei giocattoli, fino a salire in soffitta per osservare con il telescopio la stella che scalda il nostro pianeta, per riscendere infine in giardino e conoscere da vicino i segreti della biologia. All’interno di ciascuna stanza le persone vivranno delle brevi esperienze scientifiche che permetteranno loro di guardare con occhi nuovi quello che accade ogni giorno nelle nostre case.

 

L’idea della casa guiderà tutte le attività che caratterizzeranno la settimana della scienza e la Notte Europea dei Ricercatori: ogni giorno della settimana, dal 26 al 29 settembre sarà, infatti, dedicato ad una delle 4 stanze e sarà caratterizzato da attività, laboratori e spettacoli a tema.

 

Infine, il 30 settembre la casa della scienza verrà ricostruita a Frascati all’interno delle Mura del Valadier e le stanze saranno ampliate così da ospitare un maggior numero di attività e consentire ai visitatori di vivere un numero maggiore di esperienze.

 

Per quanto riguarda gli eventi organizzati da ROMA TRE, nel corso della settimana verranno svolte attività presso i Dipartimenti di Scienze, Matematica e Fisica, Architettura ed Ingegneria (sia seminari divulgativi, sia attività di laboratorio), come anche passeggiate per Roma con spunti scientifici. Nella serata di Venerdi 30 le attività si svolgeranno tra le 19 e mezzanotte, presso la sede di Largo S. Leonardo Murialdo, e si articoleranno in attività interattive, seminari, mostre e proiezioni. In tutte e quattro le sezioni gli argomenti saranno estremamente vari: si spazierà dai giochi matematici alle osservazioni astronomiche, dalla ricostruzione di forme architettoniche al ruolo del tempo nella fisica, dalle terapie antibatteriche al grafene.

 

Per informazioni:

https://romatrenottericercatori.wordpress.com

http://www.frascatiscienza.it

http://www.scienze.uniroma3.it

http://www.matfis.uniroma3.it

 

Tutti gli eventi rientrano nella azione Marie Sklodowska-Curie del programma Horizon 2020. In Italia oltre al progetto coordinato da Frascati Scienza sono cinque i progetti vincitori del finanziamento europeo: Sharper, Luna 2016, Closer, Bright e Society.

 

 

La Notte Europea dei Ricercatori è un progetto promosso dalla Commissione Europea. Il progetto coordinato da Frascati Scienza è realizzato in collaborazione con Regione Lazio, il Comune di Frascati, ASI, CNR, ENEA, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, ISS, CINECA, GARR, ISPRA, CREA, Sardegna Ricerche, con Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Università degli Studi Roma Tre, Università LUMSA di Roma e Palermo, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università di Parma, Università di Sassari, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. L’evento vede la partecipazione di G.Eco, Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA), Accatagliato, Associazione Arte e Scienza, Gruppo Astrofili Monti Lepini (Osservatorio di Gorga), Associazione Culturale Chi Sarà di Scena, RES Castelli Romani, Associazione Eta Carinae, Associazione Tuscolana Amici di Frascati, Astronomitaly – La Rete del Turismo Astronomico, Explora il Museo dei Bambini di Roma, L.U.D.I.S, Museo Tuscolano delle Scuderie Aldobrandini, Native, Sotacarbo, STS Multiservizi, Science4Biz, Dinosauri in Carne e Ossa.

 

Annunci